Per gli investitori truffati dalla New Financial Technology si apre un nuovo fronte: chiedere il risarcimento dei danni non alla società di Silea ma alle banche che hanno perfezionato gli investimenti in criptovalute da loro promossi.