Avrebbero commesso illeciti in tutta Europa attraverso il crowdfunding i 41 imputati al processo in corso davanti al Tribunale di Avellino. Attraverso un’istanza presentata dall’avvocato Enrico Conti (che rappresenta 44 parti civili), accolta dal Giudice, sono stati chiamati in causa anche sei istituti di credito, italiani ed esteri.